Seminar

Probiotici, micropulizia e rifinitura della detergenza primaria

Time: 12:00 - 12:30

Date: 08/06/2022

Theatre: Arena 3

Synopsis

Il termine ‘probiotico’ è ormai largamente utilizzato non più esclusivamente nella sua accezione strettamente legata all’alimentazione, ma anche per definire prodotti del mondo del cleaning e della detergenza che prevedano la presenza di microrganismi nella formulazione. Piuttosto che a sterilizzare le superfici e ad azzerarne quindi la carica batterica e la biodiversità, questo tipo di prodotti mira a riequilibrare la flora ambientale e ad impedire la proliferazione incontrollata di batteri nocivi e responsabili di cattivi odori.

Caratteristica fondamentale dei prodotti probiotici è quella di esercitare un’azione di pulizia ‘invisibile’, spesso indicata come ‘microcleaning’, che persiste nel tempo successivamente al loro utilizzo. La funzione dei microrganismi deve essere vista non come sostitutiva, ma piuttosto come complementare all’utilizzo di tensioattivi e builder i quali, per quanto efficaci nella loro funzione detergente, non sono in grado di eliminare completamente quei residui organici responsabili dell’insorgenza di contaminazioni batteriche indesiderate, biofilm e malodors. Per meglio evidenziare questo fenomeno abbiamo preso in esame una miscela di 4 Bacillus e ne abbiamo studiato le performance vegetative e di produzione enzimatica, per poi osservarne mediante microscopia elettronica l’attività degradativa nei confronti di diversi substrati.

 

The term ‘probiotic’ is by now widely used not only with its meaning strictly related to nutrition, but also to define cleaning products that include microrganisms in their formulation. Rather than sterilizing the surfaces, thus eliminating the bacterial charge and reducing biodiversity, this type of product aims to rebalance the environmental flora and prevent the uncontrolled proliferation of harmful bacteria responsible for bad odors.

One of the main features of probiotic products is their capability to exert an effective degradation activity toward ‘invisible’ soils; this action persists over time, even many hours after their application. This is what is normally referred to as ‘microcleaning’. Probiotic products should not be seen as a substitute, but rather as a complement to the use of builders and surfactants which, although efficient in their detergent function, cannot completely eliminate organic residues responsible for unwanted bacterial proliferation, biofilms and malodors. We decided to analyze a mixed solution composed of four bacteria belonging to the genus Bacillus and we studied its vegetative and enzymatic production performances; we then used electron microscopy to investigate on its capacity to degrade different substrates.

speakers

« Back